El Gruppo di Lettura italiano (GdLi) scopre SUSANNA TAMARO

LUISITO. UNA STORIA D’AMORE, LETTURA PER MAGGIO

Grazie al pappagallo Luisito, Anselma ritrova la voglia di vivere

La vita ogni tanto è una fiaba che merita un lieto fine. Anselma è una maestra in pensione, vedova, anziana, sola, confinata da anni – prima dal marito, poi dai figli – in un’esistenza grigia che non sembra nemmeno vita. Poi, in un’afosa sera d’estate, scorge accanto a un cassonetto dei rifiuti un magnifico pappagallo abbandonato, e decide d’impulso di portarselo a casa. Da quel momento tutto cambia: se prima l’incantesimo di un mago malvagio pareva aver imprigionato lei e il suo mondo in una morsa di gelo, adesso il ghiaccio che era sceso nel suo cuore si scioglie, e mentre Anselma si occupa dell’ospite inatteso riaffiorano ricordi che credeva perduti. L’affetto per l’amica del cuore dell’adolescenza, le illusioni e il disinganno del matrimonio, gli entusiasmi – e la brusca conclusione – della sua carriera di maestra. Grazie al pappagallo Luisito, Anselma ritrova la voglia di vivere che il mondo aveva cercato di farle dimenticare. Ma dovrà difendersi dai soprusi di chi non sopporta, per indifferenza o per animo malevolo, la sua felicità.

GIOVEDÌ 23 MAGGIO

18:30

A presto e buona lettura !!!

A LLIBRES EMBAT E CON UN GRANDE AFFLUSSO DI PUBBLICO

POESIA E MUSICA PER CELEBRARE IL DANTEDÌ

L’INFERNO DELLA DIVINA COMMEDIA LETTO IN ITALIANO E CATALANO

SUCCESSO DELL’EVENTO ORGANIZZATO DALLA SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI ISOLE BALEARI E LLIBRES EMBAT

I musicisti hanno suonato brani del Medioevo

ALCUNI STUDENTI DELLA LINGUA ITALIANA E VOLONTARI SONO INCARICATI DA LEGGERE VARI PARAGRAFI SCELTI DALL’INFERNO DELLA DIVINA COMMEDIA IN CATALANO ED ITALIANO

Alla conclusione dell’evento, le protagoniste hanno posato con Giulia Fasano e Glòria Forteza Rey, vere promotrice del Dantedì a Palma, che proseguirà l’anno prossimo.

LUNEDÌ PROSSIMO PRESSO EMBAT LLIBRES

ARRIVA IL DANTEDÌ

ORGANIZZATO DA SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI ISOLE BALEARI, EMBAT LLIBRES ED ESCOLA OFICIL D’IDIOMES DI PALMA

È RICHIESTA LA REGISTRAZIONE PREVENTIVA: 1975@embatllibres.com

PUNTO D’INCONTRO:

EMBAT LLIBRES

25 marzo 19:30

Papa Joan XXIII, 5E

07002 PALMA

Ci vediamo Lunedì !!!!

PRIMA INIZIATIVA DELLA SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI ISOLE BALEARI NEL CENTENARIO DELLA MORTE DI GIACOMO PUCCINI

DONNE ALL’OPERA NELLA FESTA DELLA DONNA (le eroine del grande compositore lucchese)

Discorso musicale di Giulia Fasano e la partecipazione della soprano Raquel Ribas

In occasione della Festa della Donna, il palazzo Can Balaguer di Palma ha fatto da cornice ad un talk musicale con Giacomo Puccini come protagonista principale. La segretaria generale e docente della Società Dante Alighieri Isole Baleari ha dato voce alla dissertazione sulle eroine del grande compositore lucchese.

Fasano racconto la vita di Puccini attraverso le sue opere più famose. Arie de Tosca «Vissi d’arte» (TOSCA), Madama Butterfly «Un bel di, vedremo» (CIO-CIO SAN),La Bohème «Quando men vo soletta» (MUSSETTA), in quel momento potevano essere ascoltati da un pubblico che gremiva la sala abilitata di Can Balaguer.

IL SOPRANO MAIORCHINA RAQUEL RIBAS HA MESSO IL GRANDE CLIMAX CON UN BIS CANTANDO «O MIO BABBINO CARO»

La grande sorpresa della serata è stata la presenza del sorprano mairochina Raquel Ribas, solista abituale dei concerti della FUNDACIÓ STUDIUM AUREUM.

La sua interpretazione di MAGDA cantando «Chi il bel sogno di Doretta», de La Rondine o LAURETTA cantando «O mio bbabino caro» de Gianni Schicchi hanno emozionato i partecipanti. Gli applausi hanno portato al «bis» della celebre aria eseguita da Lauretta.

Una magnifica conclusione di una giornata molto emozionante.

Nei prossimi messi la Società Dante Alighieri prevede di realizzare altri eventi per ricordare il centenario della morte di Giacomo Puccini.

WORKSHOP DI CUCINA ITALIANA

VENERDÌ 22 MARZO ALLE ORE 18:45

RICETTE DELLA NONNA

MENÙ:

Spritz Aperol

Antipasti

Soma d’aglio

Crostini con pasta olive verdi

Paté di polpa di granchio sopra foglie di lattuga

Primo

Zuppa di cavolfiore, broccolo romanesco e zucca

Secondo

Pasta marinara della Liguria

Dolci

Cagliata ed arancia

Batata dolci con miele

Vini

Prosecco Menestrello

Bianco e rosso

Caffè o infusione

Liquore fatto in casa. Mandarinello (ricetta maiorchina del cuoco)

POSTI LIMITATI. MINIMO 10 PERSONE/MASSIMO 15

È OBBLIGATORIO ISCRIVERSI (*)

(*) Costo 30€. CENA COMPRESA. 5€ ALLA CONFERMA

(*) A lezione o Indirizzo mail (gruppoculturaleitalianomaiorca@gmail.com) fino giovedì 14 marzo.

SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI ISOLE BALEARI ED EMBAT LLIBRES PREPARANO IL DANTEDI DEL PROSSIMO 25 DE MARZO

IMPARA A LEGGERE LA DIVINA COMMEDIA

INIZIATIVA ORGANIZZATA OGNI MERCOLEDÌ DAL 20 FEBBRAIO AL 19 MARZO

INFO: ladantebaleari@gmail.com

Il corso sarà online dalle 18:30 alle 19:30. Impareremo a leggere un canto della Divina Commedia. Se vi piace leggere e recitare sarà perfetto!!.

Questa iniziativa è gratis per i nostri studenti, costa 30€ per i soci della Dante Alighieri. Per tutti gli altri 60€.

UNA GRANDE FESTA IL 25 MARZO

Il giorno in cui si celebra il DanteDi, la Società Dante Alighieri Isole Baleari ed Embat Llibres organizzano una lettura pubblica. Se vi piace leggere e recitare sarà perfetto. Restano da definire gli ultimi dettagli.

L’evento si terrà presso Embat Llibres in Passatge Particular Joan XXIII de Palma, in un orario ancora da definire.

A presto !!!!

ELENA FERRANTE, NUOVA SFIDA PER IL GdLi

L’AMICA GENIALE, LETTURA PER FEBBRAIO E MARZO

L’amica geniale è il primo volume di una tetralogia incentrata sul rapporto che lega le due protagoniste attraverso gli anni delle loro esistenze; in questo primo libro viene narrata la loro infanzia ed adolescenza; nel secondo volume (Storia del nuovo cognome) Lila e Lenù sono ormai adulte; nel terzo volume (Storia di chi fugge e di chi resta) le due amiche stanno attraversando quella fase della vita in cui si incomincia a considerare l’approssimarsi del periodo dei bilanci, che non sempre si rivelano positivi; nell’ultimo volume, infine, (Storia della bambina perduta) si conclude un ciclo di vita e la storia finisce con la vecchiaia.

Lina e Lenù abitano nello stesso quartiere degradato di una Napoli che funge da sfondo, ma anche da protagonista della loro storia. Lina è figlia di un calzolaio e la sua famiglia vive in condizioni piuttosto modeste; mentre Lenù vive un’esistenza più agiata, dato che il padre è usciere comunale: una posizione sociale superiore. La loro amicizia nasce fin dalla primissima infanzia e si consolida durante gli anni della scuola elementare, quando le due bambine diventano inseparabili, anche in relazione al fatto che entrambe vivono con grande insofferenza le rigide regole di comportamento imposte dal rione. Il loro più grande desiderio è quello di poter evadere, un giorno, da quella soffocante atmosfera.

PRIMA, IN COMUNE, VENEZIA E IL SUO CARNEVALE

Il Gruppo di Lettura Italiano (GdLi) mentre leggi L’AMICA GENIALE preparerai un lavoro su VENEZIA E IL SUO CARNEVALE, cosa metteremo in comune nella riunione di febbraio.

GIOVEDÌ 15 FEBBRAIO

18:30

A presto e buona lettura !!!

OMAGGIO AL GRANDE FOTOGRAFO WILLIAM KLEIN

ROMA, LA CIUTAT I LA GENT (1956-1958 vs. 2022-2023)

IL FOTOGRAFO MAIORCHINO XAVIER RAMIS ESPONE A L’ ESCOLA D’ART I DISSENY DI PALMA FINO AL 29 DI GENNAIO

Questa mostra fotografica è una serie di 16 fotografie della città di Roma è stata concepita come uno omaggio a William Klein. Il titolo della mostra è lo stesso del libro che Klein pubblicò nel 1959,con le fotografie scattate a Roma nei tre anni precedenti, dove le fotografie contenute nel libro sono proprio la fonte di ispirazione di questo lavoro, in cui ciascuna delle foto è accompagnata da un’istantanea tratta dal libro, che ne costituisce il suo riferimento.

William Klein morto a Parigi nel 2022

Roma negli anni’50 attraverso gli occhi di Klein

ERASMO DI FOTOGRAFIA A ROMA

La mostra fotografica è una serie di 16 fotografie de la città di Roma, su un totale di diverse centinala, scattate nella «città eterna» durante l’Erasmo fatto per Xavier Ramis, tra i mesi di ottobre 2022 e febbraio 2023.

UN ALTRO MODO PER CONOSCERE E GODERE VENEZIA

ANDAR PER BACARI TRA OMBRE E CICCHETTI

UN ALTRO MODO PER CONOSCERE E GODERE LA CITTÀ DI VENEZIA

Mangiare e bere bene a Venezia è un imperativo. Qui è impossibile non appagare l’appetito e placare la sete, perché laddove ti giri compare un bacaro pronto a soddisfare ogni desiderio. Ma in un labirinto di calli e canali è facile smarrirsi: ecco allora un libro che allo stesso tempo è guida e ricettario, che vi condurrà alla scoperta dei cicchetti della tradizione, tra una sarda in saor e un folpetto in umido, e dei bacari più autentici, nascosti in mezzo ai sestieri della città. Questa è una Venezia da gustare con gli occhi e con il palato, da vivere attraverso un tour enogastronomico assolutamente imperdibile.

MONICA CESARATO

Food blogger e critica gastronomica veneziana dal 2008, è prima di tutto un’amante del buon cibo. Da diversi anni divulga la storia e le ricette della gastronomia veneziana ai visitatori stranieri tramite il suo blog, le lezioni di cucina e vari podcast.

FRA STORIA E MITI DA SFATARE

Ostaria, Locànda, tavèrna, malvasia, furàtola, bastiòn, banderruòla, samàrco, magazèn, fritolìn: questo sono le denominazioni veneziane dei localo addetti alla rivendita di vino e cibo nell’antica Repubblica Serenissima, oramai cadute in disuso e che vivono solo nella memoria storica, ancora ritrovabili tuttavia tra i nomi di qualche calle.

Amarone, Recioto, Soave, Prosecco, Bardolino: solamente alcuni nomi di vini famosi in tutto il mondo e che nascono dalla stessa regione dell’Italia settentrionale, fra le principali produttrici di vino del paese: il Veneto.

«Bransìni, oràe, sardèe, grànso, pòrp, caparòssoi, peòci…» sono pesce che si possono trovare al Mercato di Rialto. Ê il mercato più conveniente della città e la gente da tutti i sestieri veneziani vieni qui per acquistare i miglioro ingredienti freschi per pranzo o cena.

Vi presentiamo qui di seguito una serie di ricette tradizionali e moderne veneziane di cicchetti a base di pesce:

La imagen tiene un atributo ALT vacío; su nombre de archivo es cicchetti3-1024x768.jpg

Baccalà mantecato

Calamaretti fritti

Gamberoni in saor

Insalata di Polpo

Sarde in saor

Moscardini in unido……..

LA CARNE E LA TERRA FERMA

Quando si parla di cucina veneziana automaticamente la mente va ai prodotti ittici della laguna, ma non tutti sanno che la carne è sempre stata una parte fondamentale della gastronomia lagunare.

Basti pensare che già gli antichi romani, riferendosi al territorio veneto, fanno menzione delle famose vacche di Altino, come riporta Columella, scrittore latino del I secolo d.C: «Ma per l’allattamento dei vitelli sono raccomandate le vacche di Altino che gli abitanti di quella regione chiamano ceve».

Alcuni cicchetti di carne:

Bovoeti agio e ogio

Brsaola col cren

Crostini con uova di guglia e pancetta

Figà aea venexiana

Pâté di fegato

Trippe alla veneta…

LE VERDURE VENEZIANE

Forse è la luce particolare di Venezia, ma le verdure in mostra sui banchi del Mercato di Rialto hanno sempre un colore intenso e vivace. Dalle teste innevate dei cavolfiori e dei finocchi al ricco oro delle zucche e il verde brillante della bietola e dei broccoli, dal rosso scartalo dei pomodori e all’intenso bordeaux del radicchio: un’incredibile display di colori e profumi.

Le verdure, coltivate nel fertile terreno ricco di argilla e sabbia confinante con la laguna, sono sulle tavole dei veneziani oggi come lo erano dall’inizio del XIV secolo d.C, quando i terreni agricoli del Veneto intorno a Padova e Treviso furono assoggettati al controllo veneziano. Molti piatti della tradizione hanno origini povere,perché venivano preparati con i legumi e le verdure della zona.

Alcuni cicchetti vegetariani:

Carciofi in pastea

Carciofi in tecia

Cipolline in agrodolce

Fiori de suca friti

Mozzarelle in carrozza

Polpette di ricotta

Zucca in saor….

ANDAR PER BACARI

Se volete gustare i cicchetti direttamente laddove sono stati inventati, eccovi un elenco di bacari e osterie, suddiviso in possibili itinerari.

Se volete gustare i cicchetti direttamente laddove sono stati inventati, eccovi un elenco di bacari e osterie, suddiviso in possibili itinerari, ma ricette e itinerari saranno nella prossima puntata.

Ho preso l’idea di questo articolo dal Libro di MONICA CESARATO Andar per Bacari, ricette e itinerari tra ombre e cicchetti, pubblicato dall’editore Programma.

Grazie ai consigli contenuti in questo libro, il mio ultimo viaggio a Venezia, qualche settimane fa, si è rivelato un vero piacere e delizia per lo stomaco e la mente. Un vero piacere. Grazie!! (Il cuoco)

Per questa ragione cercheremo di mettere in pratica alcuni degli spunti e dei cicchetti raccolti in questo apprezzato ed incredibile libro.

CORSO DI CUCINA ITALIANA

GIOVEDÌ 21 DICEMBRE alle ore 18:45

UN ALTRO MODO PER CONOSCERE E GODERE LA CITTÀ DI VENEZIA

TRA OMBRE E CICCHETTI

Menù in preparazione:

Aperol Spritz

Cicchetti di pesce

Cicchetti vegetariani

Zuppa di mandorle di Natale

Bigoli o spaghetti mori alla veneziana

Panettone (comprato in pasticceria) e dolci sorpresa fatto dal cuoco

VINI:

Prosecco Menestrello

Bianco e rosso

Caffè e infusione

Liquore fatto in casa (ricetta maiorchina dello chef)

POSTI LIMITATI: MINIMO 10 PERSONE/MASSIMO 15

è obbligatorio iscriversi (*)

(*)gruppoculturaleitalianomaiorca@gmail.com

L’ISOLA DI ARTURO, PER INIZIARE L’ANNO

LA GRANDE SCRITTRICE ELSA MORANTE, NUOVA SFIDA PER IL GdLi

Il romanzo è un’esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L’isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L’isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l’eroe ragazzo-Arturo. È una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall’isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza.

Arturo, il guerresco ragazzo dal nome di una stella, vive in un’isola tra spiagge e scogliere, pago di sogni fantastici. Non si cura di vestiti né di cibi. È stato allevato con latte di capra. La vita per lui è promessa solo di imprese e di libertà assoluta. E ora ricorda. Queste sono le sue memorie, dall’idillio solitario alla scoperta della vita: l’amore, l’amicizia, il dolore, la disperazione. Secondo romanzo della Morante dopo Menzogna e sortilegio (1948), L’isola di Arturo confermò tutte le qualità della scrittrice romana: l’impasto di elementi realistici e fiabeschi, la forte suggestione del linguaggio. Arturo, come Elisa in Menzogna e sortilegio, «si porta addosso la croce di far parte non di un oggi ma di un sempre».

PREMIO STREGA

l romanzo “L’isola di Arturo“, grazie al quale la Morante nel 1957 fu la prima donna a vincere il Premio Strega, si sviluppa infatti interamente all’interno dei 4 km² di estensione del territorio di PROCIDA.

ELSA MORANTE

Nasce a Roma nel 1912 e comincia a scrivere da giovanissima, collaborando con diverse rivista. Il suo primo ad essere pubblicato nel 1948 è Menzogna e sortilegio. Nel 1941 sposa Alberto Moravia ed entra in contatto con i grandi nomi della letteratura italiana del Novecento.

All’inizio degli anni ’60, la separazione da Alberto Moravia segna anche l’inizio di un travagliato periodo personale. Entra in contatto con l’ambiente delle avanguardie letterarie e con quelli della contestazione di sinistra.

Un nuovo interesse per la politica la porta alla scrittura de La storia, romanzo che riceve però diverse critiche. La sua ultima opera è Aracoeli, pubblicata nel 1982, tre anni prima della morte nel 1985.

I romanzi più famosi che ha scritto Elsa Morante sono: L’isola di Arturo, La storia, Menzogna e sortilegio e Aracoeli. La Morante ha scritto anche racconti (Il gioco segreto) e raccolte di poesie (Il mondo salvato dai ragazzini).

Elsa Morante ‘e morta d’infarto il 25 novembre del 1985.

APPUNTAMENTO GdLi

Giovedì 18 gennaio 2024

18:30

Punto d’incontro: Cafeteria Hotel Saratoga, Paseo Mallorca, 6