GRAND TOUR DEL GUSTO

La mia casa è piena di libri e riviste italiane, soprattutto di cucina. Ho iniziato a cucinare per necessità, da molto tempo, e ora lo faccio per piacere. Sono amico del Cuoco e abbiamo pensato che in questi giorni di isolamento, confinati nelle nostre case, potremmo fare un «Grand Tour del Gusto» tra i due di ottime ricette d’Italia.

È difficile scegliere una ricetta per iniziare la sfida, ma qualsiasi percorso se inizia con il primo passo. Siamo in primavera, quindi, inizieremo con una ricetta con prodotti del tempo. L’agnello. Tempo di Pasqua.

Mentre sto facendo questo lavoro, la musica di Gino Paoli mi accompagna.

Buon appetito!!!

COSCIOTTO DI AGNELLO AL VERMOUTH CON ACCIUGHE, CIPOLLE E PISELLI (*)

Per 4 persone

1 cosciotto di agnello di circa 1,8 kg

2 spicchi d’aglio

2,5 dl di vermouth secco

6 cipolle bianche

4 acciughe sott’olio

400 g di piselli sgranati

olio extravergine d’oliva

2 o 3 rametti di menta

sale e pepe

ELABORAZIONE:

Sbucciate l’aglio e tagliatelo a fettine. Con un coltellino affilato praticante dei tagli profondi nel cosciotto e inseritevi le fettine d’aglio. Condite la carne con sale, pepe e un filo d’olio e massaggiatela bene con le mani, trasferitela in una teglia e infornatela a 220º per cerca 2o minuti.

Intanto, sbucciate le cipolle e tagliatele a metà in orizzontale. Bagnate il cosciotto con metà vermouth e unite le cipolle. Riducete la temperatura del forno a 180º e cuocete per 15 minuti bagnando il cosciotto col fondo di cottura.

Versate nella teglia il vermouth rimasto, le acciughe sgocciolate e infornate per altri 20 minuti. Aggiungete i piselli e cuocete ancora per 15 minuti. A fine cottura trasferite il cosciotto su un piatto caldo, copritelo con un foglio di alluminio e fatelo riposare per 10-15minuti. Prima di servire, riscaldate piselli e cipolle unendo qualche foglia di menta e disponeteli attorno al cosciotto.

Ricetta facile

Preparazione 15 minuti

Cottura 1 ora e 10 minuti

Buon appetito!!!

Il cuoco

(*)ricetta abruzzese, tratto dalla rivista Sale&pepe

Deja un comentario